Ritorno per Elisa!

Una carissima amica mi ha invitato a prendere parte a un progetto, parlare dei dieci album musicali della nostra vita.
Premessa (con me, come sapete bene, c'è spesso una premessa): la mia generazione non è cresciuta tanto con l'album, e non discuto se su LP o CD. Siamo piuttosto una generazione torrent, deezer e youtuber, che ascolta un musicista per brani, o in "best of". Il singolo Album dei Beatles o dei Coldplay mi dice relativamente poco... per quanto abbia adorato Yesterday, non ho mai ascoltato per intero "Yesterday and Today", e la stessa cosa vale per Trouble: il suo vicino di traccia Parachutes, che dà il nome all'album, non mi dice niente.

Adesso partiamo. Per semplicità, andiamo più o meno in ordine cronologico. 

Giorno 1/10

Beethoven, Sinfonia VI (Pastorale)

Da bambina la musica classica mi piaceva molto più di quella contemporanea, la trovavo molto più creativa e rasserenante, e in generale suonata meglio. Alla resa dei conti, non mi sbagliavo mica tanto. 
In mezzo ai tanti pezzi che giravano per casa (come un meraviglioso LP delle Danze Ungheresi di Brahams, o una raccolta di valzer di Strauss che poi finii per detestare perché troppo "popolare"), la Pastorale spicca anche perché godeva di un aiuto fuori dal comune, una pubblicità senza pari costruita da Walt Disney in persona, con Topolino che tira le falde al direttore chiamandolo: "Maestro Stokowsky, Maestro Stokowsky...!!"



Commenti

  1. Che bel rientro! In tutti i sensi, anche sonori!

    RispondiElimina
  2. Meno male, la Pastorale...finisco così il commento, con la rima? Io l'ho scoperta con una compilation di musica classica, l'ennesima, per rilassarsi, e mi è entrata dentro. Certo, la Nona però...Se ti domandi chi ha commentato parlando di Dalla, qualche post fa, ti dico che Gegio se l'è presa per non avere ancora risposto, ma basta parlare di me in terza persona!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E Coucou!! La Nona è superlativa, e ci sono molti altri pezzi (di Beethoven e non) che preferisco alla sesta. La Nona stassa, ma anche la Nona di Dvorak, le suits per violoncello di Bach, etc. pero' ho messo la Sesta perché è stato un inizio, un battesimo. un punto pivot. Il resto è venuto con la maturità :)

      Elimina
    2. La suite 1 per violoncello è incredibile, roba da 100 ascolti in ripetizione, e non mi ero accorto della sua presenza in Master and commander. In questi mesi mi sono fatto fuori tutto Mozart, cose che dovresti far sentire alla tua bimba, a meno che tu non l'abbia già fatto ponendo le cuffie sul pancione.

      Elimina
    3. mia figlia attualmente è in mood canzone popolare italo francese (già a 2 mesi era incredibile come si capisse BENE cosa le piaceva e cosa no). Quindi sta ancora nel trip Celentano +Claude François (con qualche concessione a Elton John e Bob Dylan). Mentre stava nel pancione ha fatto indigestione di opera, ma adesso non le interessa tanto... Mozart è molto intellettuale. Ho avuto una fase giovanile (13 aa) molto eine kleine nachtmusik e K540, a 25 aa ero Requiem + Messa Grande, adesso sono piuttosto in fase politica (Flauto magico). La lascio fare, vedremo!!

      Elimina
    4. Requiem...via, via!!! Concerti per Piano, Sinfonie, ma quella escludila. E spero sia il Celentano degli anni 60, perché prima o dopo di quel decennio non ha combinato quasi niente.

      Elimina
    5. mica lo so che Celentano è... se una canzone le piace gliela mette sulla sua lista deezer :) oh, senti, a 19 mesi ancora ha diritto di esplorare :D

      Elimina
    6. La prima cassetta ascoltata è stata una compilation dei Beatles, ma a 13 anni...tempi duri senza Spotify...ora il Fidelio, Ouverture, e partecosì l'ascolto integrale di Beethoven, dopo quello di Mozart.

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Basilico'

Gli album della tua vita. Giorno 8/10

La finestra di Orfeo - Orpheus no mado