Gli albulm della tua vita. Giorno 4/10

Poi arriva la pubertà e cominciano i pasticci. Inizi a tollerare che gli album non siano tutti concept.

Inizi a sentire cose che in casa tua non si ascoltavano, magari perché piacciono a quel ragazzino di cui sei cotta, ma cotta come una pera al vino (anche negli amori adolescenziali ci sono i chiodi, o almeno quella è l'impressione sul momento, di aver costantemente una spina in un piede).

Giorno 4/10. Celin Dion, Falling Into You

Ho avuto la gran fortuna di conoscere Dion con questo splendido album (e non con quella lagna successiva di "Let's talk about love"), cosi' almeno avevo la gran soddisfazione di sentire e risentire tutto il giorno qualcosa di estremamente ben scritto, suonato e superbamente cantato. Ché alla Dion si puo' magari rimproverare un eccesso di passionalità nell'interpretazione, fino al patetismo, ma signori, sa cantare e su questo nessuno trova niente da discutere da trent'anni. Voce perfetta, controllo assoluto.

Alla mia sensibilità di dodicenne che non sapeva assolutamente chi fosse Diane Warren piaceva soprattutto Because you loved me, ma trovavo incredibile If that's what it takes. Aveva una sfumatura cosi' lontana dalle canzoni americane medie, e per ottime ragioni visto che è una traduzione di un suo vecchio successo. All'epoca non avevo l'abitudine, come ora, di controllare CHI avesse scritto la canzone, e non parlavo francese. Mi stordiva (ah, la vertigine dei primi ormoni) il pensiero di quello che una donna avrebbe potuto fare, accettare, osare per proteggere il suo amore.



Oggi di anni ne ho trentaquattro, sono sposata, ho una bimba, conosco Goldmann, parlo francese, e mi viene la pelle d'oca ogni volta che ascolto Pour que tu m'aimes encore, perché oggi capisco il testo, o almeno più di allora. E sorrido alla dodicenne che sognava di tentare all that it takes, senza neanche sapere che cosa prometteva a se stessa.

Commenti

  1. Non sono mai stata una fan di Celine Dion, ma questo album (in cassetta) mi era stato regalato da una amica molto lontana e ci sono per questo molto affezionata e mi piace anche parecchio.
    E comunque, la Celine sta bene con quel look scanzonato che si vede in copertina!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si', spesso a causa della sua storia personale le hanno appioppato un look da matrona prematuramente invecchiata o di femme fatale (che proprio non è...). Questo era tra i più naturali!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Basilico'

Gli album della tua vita. Giorno 8/10

La finestra di Orfeo - Orpheus no mado