Halloween?

Cosa si fa ad Halloween? 
Si portano i bambini a fare "dolcetto-scherzetto", si decorano le case con ragnatele finte e pipistrelli in gomma, si scavano e intagliano zucche...
Sbagliato! Almeno a casa nostra, il primo novembre è la festa di Ognissanti (la Toussaint, in Francia, c'est pareil), di origine cattolica. Alla fine di ottobre in America, nel resto del mondo anglosassone e in Harry Potter hanno altre usanze, che sono carinissime, ma che con la mia vita non hanno niente a che fare. Vivessi in America sarebbe di sicuro diverso.
Io, per dirvi tutto, sono una grande appassionata di zucca in senso strettamente alimentare, l'idea di metterci un cero dentro non mi sfiora per niente; la particolare illuminazione dolciaria mi è venuta a forza di leggere JK Rowling. Proviamo a fare all'antica: presa la zucca, buttiamo la buccia, teniamo la polpa e impastiamo una torta.

Nonostante mio marito mi sconsigliasse ("ma è finito il cioccolato?" cit.), ho provato comunque, ed il risultato è buono, molto adatto alla colazione anche dei piccoli.

Ingredienti

350 g di zucca (quella non troppo acquosa, verde fuori e arancio chiaro dentro)
100 g  di zucchero
60 g di farina di mandorle
2 amaretti e 2 noci, ridotti in polvere
180 g di farina
50 g di burro
50 g di maizena o fecola
3 uova
una bustina di lievito per dolci
zucchero a velo

Procedimento

In una padella antiaderente, rosolate i cubetti di zucca con una noce di burro e un rametto di rosmarino, che toglierete a cottura ultimata. Spegnete tutto quando la zucca è al dente e tritatela senza eliminare il succo.
Montate gli albumi delle uova e separatamente miscelate i tuorli con lo zucchero.
Al composto del tuorli, aggiungere con un cucchiaio di legno la farina, le mandore, i biscotti, le noci, il lievito, il burro (fuso) e la maizena. Quando ha un aspetto sablé, aggiungete la zucca.
Incorporate a questo punto gli albumi a neve.
Imburrate una teglia medio-piccola e infornate a 160°C per 45 minuti. Dopo i primi venti minuti di cottura potrebbe essere necessario coprire con un foglio di alluminio per evitare che la crosta diventi marroncina. 
Quando la torta è completamente raffreddata (se ce n'è ancora...), spolverizzate con lo zucchero a velo. Buon appetito!!!

Commenti

Post popolari in questo blog

Basilico'

Gli album della tua vita. Giorno 8/10

La finestra di Orfeo - Orpheus no mado