Size 12 is not fat - Size 14 is not fat either - Big boned

Di M.Cabot

Heather Wells era una cantante ragazzina, bella, bionda, magra e oca, che faceva continui tour degli Stati Uniti al fianco del suo fidanzato Jordan, il figlio del suo produttore discografico. Con la fine dell'adolescenza, arrivano i desideri di comporre delle canzoni più raffinate, di mettere su famiglia e di prendere qualche chilo: tali sogni si scontrano pero' con la risposta negativa del produttore e la conseguente fuga con la cassa della mamma di Heather, che si ritrova sola, a NY, senza un soldo e appena assunta come vicedirettrice in un dormitorio universitario dietro Washington Square. La ospita Cooper, il fratello sexy e intelligente del suo ex.
A questo punto, nel suo dormitorio cominciano a fioccare i cadaveri.

La serie è carina, fa parte a buon diritto di quella chick-lit svagata che ha il compito arduo di rendere meno noiosi i passaggi in treno, metro e affini. Il livello letterario è decisamente basso, e non credo che la versione originale sia molto diversa da questo punto di vista rispetto alla traduzione francese che è capitata sotto le mie mani.
La traduzione del titolo originario (in Italia non è stato tradotto) suona più o meno come "una 46 non è grassa", che fa tanto politicamente corretto, ma se sei alta meno di 190 cm, cara, magari non è grassa ma è decisamente cicciotta. Non cerchiamo di nasconderci dietro un dito. E il fatto che la ragazza americana media faccia la stessa taglia 46 non è una giustificazione, è un problema socio-sanitario.
Heater è simpatica, anche perché alla fine non è ossessionata dal suo peso e trascorre il suo tempo in modo più produttivi che salire e scendere da una bilancia. Ciononostante, il grado di empatia che riesce ad evocare resta limitato, e l'unico personaggio che risulta veramente interessante è Cooper (forse perché è bello, magro, e tenebroso, o semplicemente perché non se ne sa quasi nulla e gode perciò del beneficio del dubbio).
Nella corrente del giallo-commedia-rosa, viene infinitamente dopo i libri di Stephenie Plum, ma si lascia leggere, restando tuttavia ampiamente dimenticabile. Trovato in un vide-granier (i tre romanzi per 2 euro), mi incuriosiva; ora che mi mancano gli ultimi due (ready to rock e the bride wore size 12) non penso che faro' grandi sforzi per procurarmeli.

Commenti

Post popolari in questo blog

Gli album della tua vita. Giorno 8/10

La finestra di Orfeo - Orpheus no mado

Gli album della tua vita. Giorno 3/10