mercoledì 16 marzo 2016

Hitch - lui si' che capisce le donne

Di A.Tennant, con Will Smith, Eva Mendes, 2005

Dopo una terribile delusione amorosa, il giovane Alex Hitchens aiuta altri uomini a conquistare le dame del loro cuore. Tra questi, il goffo ma intelligente Albert Brenneman, innamorato di un'algida (ma non troppo) principessa dell'alta società WASP. Ma durante il temp libero Hitch incrocia uno squalo, la giornalista Sara Melas, con cui colleziona gaffes a non finire.

Commedia romantica per una volta godibile anche da un pubblico maschile, non ha pretesse ma offre diversi momenti di vere risate. Non è che si possa dirlo di tante commedie più o meno recenti.

A me Will Smith in versione comica è sempre piaciuto, e tutto sommato lo rimpiango ancora nei panni del principe di Bel Air, in cui riusciva benissimo. Peccato poi spesso abbia preferito far da musa a Muccino, con risultati non sempre all'altezza el potenziale.
La Mendes invece non mi è molto simpatica, soprattutto sembra la brutta copia di Jennifer Lopez: vorrebbe mostrare un lato B da assicurazione professionale, ma non è all'altezza della collega. 

Afficher l'image d'origine

Per motivi diciamo razziali (diciamo razzisti...) la produzione voleva, per la promessa fidanzata di Hitch, una donna non afroamericana ("perché una coppia black non avrebbe interessato il pubblico caucasico"!) ma "non era pensabile" neppure un'attrice bianca ("bianca"? sembra talmente assurdo  nel 2005 che non so dove mettere le virgolette!...). Era stata scelta Aishwarya Rai, ma era occupata, peraltro a girare un piccolo capolavoro di genere B, Matrimoni e pregiudizi, e ci siamo ritrovati con Eva. Che strane cose che capitano a Hollywood e dintorni.
Nota di merito invece per le inquadrature di New York, molto da cartolina ma sempre belle, in particolare nella sequenza ad Ellis Island, posto che abbiamo tanto amato io e la dolce metà.

Nessun commento:

Posta un commento