Cruel intentions

Di R. Kumble, con R.Witherspoon, S.M.Gellar, R.Phillippe. 1999

La trama di Le relazioni pericolose, ambientata nella New York altoborghese di fine millennio, riprodotta tra giovani universitari. A parte il quadro spazio-temporale, il resto è più che fedele. 
La malvagia Merteuil, abbandonata dal suo amante per una giovane illibata (Cécile), vuole vendicarsi facendogliela trovare molto cambiata e a tal fine mette all'opera l'ambiguo amico Valmont. Questi si dedica inoltre ad una donna piena di virtù, Annette...

Naturalmente il buonismo della chiusa tradisce la rilettura d'origine americana, visto che l'originale finiva in catastrofe. 
Mostra immagine originaleAnche se la critica non è stata generosa con questa versione, io non l'ho trovata disprezzabile. E' divertente, abbastanza ben recitata, e fedele al suo ruolo di sottile denuncia. Molto efficacemente, sottolinea che i due problemi sociali delineati da Laclos non sono poi molto migliorati in due secoli, mutatis muandis: 1. una donna ha sempre una libertà sottomessa alla sua reputazione (a differenza degli uomini) e 2. l'educazione familiare dovrebbe essere la base della moralità, mentre in alcuni ambienti è solo alla base delle buone maniere.
In effetti, ancora oggi, un ragazzo ricco e intelligente che cambia partner ogni sera è solo un buon partito per colei che gli farà mettere la testa a posto: una ragazza che faccia lo stesso è una ...P. Senza pronunciarmi sull'opportunità o meno di "folleggiare", è indubbio che addi' 2016 la differenza tra i sessi è ancora attualissima.
Inoltre spesso la mancanza di vera comunicazione in famiglia produce la deriva della "liberazione sessuale" verso uno sbragamento generale che non credo soddisfi molto chi lo pratica, come traspare dalla figura incompleta e spaesata di Cécile.
L'unica cosa in cui forse andiamo un po' modernizzandoci, è che -in generale- una donna buona che si innamori di un figuro un po' losco resta comunque rispettabile, e non è costretta al convento. Per il resto, direi che abbiamo ancora un po' di strada da fare...
Bella la colonna sonora. In generale il risultato è più divertente della leccatissima trasposizione in costume di Frears.

Commenti

Post popolari in questo blog

Il libro della Giungla

Basilico'

Wit - La forza della mente