(Miracolo a) Le Havre

Di A.Kaurismaki, con J.Darroussin. 2012

Il mondo è un posto duro e il sud dell’Europa spesso è solo il primo step per tanti migranti forzati che cercano lavoro e un tetto. Le Havre, porto per eccellenza, vede un transito continuo di disperati che la politica internazionale non sa come incanalare –o si rifiuta di farlo, pensando che il flusso debba continuare ad autogestirsi nell’incuria generale travestita da controllo delle frontiere. Idrissa scappa da uno dei containers e finisce in casa di Marcel Marx, lustrascarpe indigente ma generoso e quando questi prende il proposito di aiutarlo a salpare per Londra tutto il quartiere si fa in quattro per dare una mano. Contemporaneamente a sua moglie Arletty diagnosticano un tumore incurabile e già avanzato e l’ispettore Monet lo sorveglia da vicino per scoprire il rifugio del giovane irregolare.

La trama è gradevole senza essere particolarmente innovativa. Dal punto di vista stilistico trovo interessante lo studio dei colori della città, così piovosa ma pur sempre illuminata da un timido raggio a far risaltare i gialli e i blu degli stipiti e delle insegne, molto retrò, come se il regista avesse voluto fondere più epoche. A parte questi modesti tratti, il film si regge soprattutto sulla delicata rappresentazione dei personaggi.
Il percorso tragicomico del protagonista, ormai anziano ma ancora così ragazzino, è toccante senza mai cadere nel patetismo facile. Lo muove una generosità spontanea che non ha niente di paternalistico e viene invece dall’aver conosciuto la difficoltà e la privazione, ma non lo fa pesare. Un po’ tutti i personaggi di contorno sono persone normalmente buone, non eroi ma umani qualunque abituati a vivere un ambiente duro dove il mutuo aiuto è l’unica via di fuga dalla sconfitta e l’apertura mentale una necessità.

Mi è piaciuto molto il tratteggio di Monet, intelligente e posato amante della Giustizia ma anche sposo del buon senso: al militare bardato come se stesse penetrando una roccaforte di AlQuaeda che si accinge a colpire Idrissa in fuga ricorda: “ma sei matto, è soltanto un bambino”. A parte lui credo che il personaggio più toccante sia Arletty, rassegnata al fato ma comunque speranzosa di un improbabile miracolo, perché si sa che sui miracoli non si può contare… bisogna solo crederci quando capitano.

Commenti

Post popolari in questo blog

Il libro della Giungla

Basilico'

Wit - La forza della mente