lunedì 29 settembre 2014

The Sheen on the Silk (du sang sur la soie)

Anna Lascaris è nata a Nicea, ma per salvare il fratello Giustiniano e ripulire il suo buon nome si è appena trasferita a Bisanzio, travestita da eunuco. Medico, come lo era anche il gemello, cerca di scoprire perché egli sia stato accusato di omicidio ed esiliato in un convento sul Sinai. Si trova presto coinvolta in una maglia fittissima di intrighi politici e religiosi, all’alba di un ricongiungimento forzato della chiesa ortodossa col papato e sotto la continua minaccia di un’invasione crociata.

La trama di questo bel libro di appendice non è troppo verosimile, ma la lettura è premiata dalla suspence costante e dalla poetica rappresentazione della fede ortodossa. Ci si affeziona con facilità ai personaggi (persino al protagonista maschile, non proprio un esempio di acume, visto che non si accorge che il suo miglior amico è una donna bellissima), mossi da passioni violente e desiderio di bellezza. 



L'autrice, poco nota da noi, ha cominciato la sua carriera con un omicidio degno della peggior cronaca nera (una roba alla Novi Ligure), ma si è coraggiosamente rifatta una vita nella letteratura poliziesca, per cui ha ricevuto diversi riconoscimenti, meritati.
L'opera si qualifica come un buon mattone da spiaggia/metro, molto godibile e senza pretese. Avendolo letto in francese non posso però esprimermi sulla qualità della scrittura: la traduzione è decente ma nulla di più. Credo invece sia inedito in Italia, dove la Perry è presente soprattutto con le sue serie dei detective Pitt e Monk.

Nessun commento:

Posta un commento