lunedì 17 marzo 2014

Man of steel

Di Z.Snyder, con K.Costner, R.Crowe, D.Lane, L.Fishbourne. 2013

Infanzia, adolescenza e giovinezza di Superman. Un ragazzo del Kansas con strani poteri extrasensoriali scopre la verità sul suo passato: unico della sua razza ad essere stato concepito naturalmente invece che a tavolino, è depositario del genoma di tutta una razza extraterrestre. Gli ultimi rimasti del suo popolo giungono improvvidamente sulla terra per portarselo via, col relativo codice genetico, e rifondare il loro pianeta sfruttando il nostro. Unico problema, per poterlo fare, bisogna modificare l'atmosfera e la gravità.. col risultato che i terrestri morirebbero.

Era veramente utile questo ennesimo prequel che ci racconta le prime gesta di un supereroe? No, ve lo dico io. Proprio no.
Qualche spurio merito glielo possiamo pure trovare a questo Uomo d'acciaio: gli attori sono discreti, si sono spesi per avere grandi nomi tutto sommato ben sfruttati. Il protagonista è belloccio, anche se la sua tutina è ridicola, e l'estetica degli effetti speciali piuttosto interessante -in particolare i salti dei kryptoniani, senza "rincorsa".
Il problema è che l'azione è noiosa, la computer grafica ripetitiva, il film è troppo lungo e la sceneggiatura sembra riciclata. Trovare Nolan tra i coautori è stata una franca sorpresa: che faceva, non guardava? Amy Adams è insipida e altamente dimenticabile. Infine, sembra veramente poco credibile la posizione degli invasori che da un lato si arrogano il diritto di sterminare i terrestri perché si ritengono l'apice dell'evoluzione, dall'altro non accettano di lasciare la terra com'è perché passerebbero anni ad adattarsi alla nuova atmosfera. Peccato che il massimo dell'evoluzione è proprio nell'adattamento, ma evidentemente gli autori erano troppo impegnati per rileggersi il manuale dell'evoluzione for dummies.
Insomma, non lo boccio completamente, ma una visione basta e avanza.

4 commenti:

  1. L'ho trovato insipido anche io. Un Superman che non ha il coraggio di essere Superman e fa il ragazzo tormentato ma poi ammazza e distrugge città senza battere ciglio. Il tutto in una trama banalotta e semplicistica.
    Tra l'altro, ma Lois Lane, a che diavolo serviva? Se si toglieva del tutto il suo personaggio il film sarebbe stato uguale XD

    RispondiElimina
  2. Sì, non ci pensa due volte a far fuori tutti i superstiti della sua specie. Sai che sicurezza ti dà uno così...

    RispondiElimina
  3. Brrrrr Man Of Steel. Già detesto Superman, poi realizzano un film del genere, è normale che io continui a non sopportarlo!

    Superman: "Ecco, ho salvato la città!!"
    Qualsiasi abitante: "Ehmmm Superman, quale città? L'hai distrutta tutta durante il combattimento!"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì, il fanciullo è delicato come un elefante in una cristalleria.

      Elimina