mercoledì 29 gennaio 2014

I film "segreti" della vergogna

Un paio d'anni fa, su imput di Sailor Fede, avevo compilato una vergognosissima lista di canzoni che una blogger snob e perbene non dovrebbe neanche ammettere di conoscere, mentre le trovo irresistibili e movement-inducing (ovvero atte a scatenare incoercibili ballicchiamenti sulla sedia, secondo la definizione d'origine).
Tanto per non lasciare nulla di credibile all'immagine di cineasta absolutely radical-chic, questa volta per incitamento del Cannibale, ripetiamo pure l'esperimento terribilis declinato sui film della vergogna. Quelli che sono stati denigrati dalla critica ma che guardiamo quasi di nascosto ogni volta che ripassano in TV.

C'è pure l'aspetto sportivo...
10. Flashdance. Occupa solo la decima posizione perché, anche solo per valore storico (leggasi, vecchiaia) e per la sua meravigliosa colonna sonora, tutto sommato non mi provoca vergogna eccessiva. Nella stessa categoria potrei mettere Top Gun e Ufficiale e Gentiluomo, ma essendo una femminuccia in questi casi posso comunque addurre motivazioni di tipo estetico (leggasi, i protagonisti sono assai bellocci) e l'onore è salvo.


9. Il mio grosso grasso matrimonio greco. Comincia con questo la lunga lista di commedie sentimentali e -in una qualche misura-matrimoniali. Infatti, in quanto erede della lezione di Jane Austen, avrete ormai capito che a) non posso vivere felice senza adorabili storielle d'amore e b) la maggior parte degli amori per me si conclude bene con un matrimonio (Love & marriage, love &marriage... they go together like a horse and a carriage!). Inoltre di questo film mi piace da morire la rappresentazione ironica ma molto affettuosa della famiglia greca, che poi è assimilabile ad una qualunque famiglia meridionale italiana, di cui con orgoglio faccio parte.

8. X-Men. Ci potrei mettere l'intera serie, ma intendo in generale la baracconata spettacolare e blockbuster, magari ricalcata sulla falsariga di qualche fumettone Marvel, con una bella dose di trash ed effetti speciali in overdrive. Anche lo SpiderMan di Raimi si poteva tranquillamente mettere, ma X-Men è ancora più spaccone, forse per merito (?) degli addominali iperesposti di Wolverine.

Dai, Bardo, non fare questa faccia da pesce lesso!
7. Shakespeare in love. Qui già le scusanti cominciano a mancare: non solo c'è la storia d'amore melensa, ma ci trascinano pure dentro per i capelli il Bardo! Si potrebbe anche aggiungere che né J.Fiennes né G.Paltrow danno il meglio in questa tragedia, ma forse non è neppure il caso. Però mi piace, che devo fare?

6. L'amore non va in vacanza. Ci sono quelli che lo adorano e gli sciabolatori ad oltranza, ma è l'esempio perfetto di romantico diabetico. Oltretutto si raddoppia, perché qui le coppie sono ben due! La presenza di Jude Law, infine, giustifica di per sé l'ingresso a buon diritto nei preferiti, quindi non lo faccio entrare nei primi posti, per un corollario della giustificazione estetica esposta al punto 10.

5. Il club di Jane Austen. Come al punto 7. si osava disturbare il poeta, qui si fa lo stesso con la zia Jane, della quale -non paghi di profanare le pagine di un libro alla volta- si depredano tutti e sei i romanzi principali. Non posso fare a meno di questo tipo di titoli, in cui si parla troppo e male di argomenti che forse starebbero meglio indisturbati, ma che mi fanno ripercorrere tante pagine molto amate. Forse che ho tempo di rileggere sei romanzi ogni volta che vorrei? No, certo. Ma in due ore circa, qui li ripercorro tutti, riportando alla mente i momenti che più ho amato in ognuno di loro.

4. Man in Black. Forse è un film cretino, che si dà arie da pellicola d'azione e fantascienza pur essendo una parodia. Però io non resisto, qui mi piacciono persino Will Smith, gli sparaflashanti e le blatte galattiche! Ed è senz'altro verità che Elvis fosse alieno...

Terribile, lo so. Ma poi, PERCHE'???? Boh.
 Insondabili misteri dello junk food filmografico
3. Il 7 e l'8. Ovvero il film italiano popolare in cui si ride. Zalone non mi dispiace, ma Ficarra e Picone sono i migliori, anche meglio di Aldo, Giovanni e Giacomo. Di questo non mi stanco mai, l'ho pure esportato dai parenti francesi :)

2. La sedicesima luna. Qui ci mettiamo tutto quanto detto al punto 5. ovvero ci va molto meno a vedersi il film mentre mangio patatine che non a rileggersi il libro, rilassamento assicurato in meno di due ore che neanche una seduta intensiva di biofeedback + yoga. In più, grande cast di cui poter dire "ah, orribilmente sprecato" e, soprattutto, il lato teen urban fantasy che in una lista del genere non può proprio
mancare. Eh, no.

1. Anche in questa occasione, in cima si lascia l'orrore (...l'orrore!). La commedia sentimentale più insulsa di tutti i tempi, ma alla cui visione ripetuta non resisto mai: Un principe tutto mio. Non chiedete(mi) perché, io per prima trovo la storia banale e gli attori sciatti, ma tra i junk film insipidi è il mio preferito!

9 commenti:

  1. i gusti sono gustibus (come diceva Socrate)
    trovo strambo vergognarsi di SIL: una pioggia di Oscar, tra cui quello a Judi Dench (fantastica!)
    SE VUOI QUALCOSA DI VERAMENTE ORRENDO leggi il mio post di domattina; prima prendi dei tranquillanti, perché citerò film che potrebbero nuocere gravemente alla salute mentale dei lettori

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedrai che me la caverò senza grossi danni encefalici :) non vedo l'ora!

      Elimina
  2. E' incredibile come possa cambiare il giudizio da persona a persona: per me non ci si dovrebbe vergognare di film quali X-men o Flashdance.
    Il 7 e l'8, così come La matassa, sono piaciuti anche a me. "L'amore non va in vacanza" sarà presente anche nella mia lista :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che alla fine la morale della favola sia che NON ci dobbiamo vergognare affatto! In fondo rubiamo qualcosa a qualcuno perché ci concediamo un innocuo piacere? E solo perché Flashdance è più presentabile della Sedicesima Luna, non sto comunque commettendo nessun crimine :)

      Elimina
  3. grande che ti sei prestata a questo giochino della pubblica umiliazione. e thanx per la citazione! :)
    il numero 1 non l'ho mai visto, mi sa che è un guilty pleasure troppo da femmina ahah :D

    ficarra e picone non li sopporto proprio, e pure shakespeare in love, l'oscar più rubato nella storia degli oscar!
    flashdance è trashissimo, carino invece l'amore non va in vacanza e quasi carino la sedicesima luna.

    RispondiElimina
  4. Sì, forse il numero uno è veramente troppo poco XY :)
    Secondo te zalone è meglio di picone? mah, non ci vedo questa enorme distanza! comunque preferisco il duo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. PS grazie a te di aver lanciato l'idea e di aver spezzato una lancia in difesa di tutti i guilty pleasure (che a differenza di quanto si diceva altrove, come si vede qui, non necessariamente fanno male alla salute o sono illegali!)

      Elimina
  5. Che bell'iniziativa *__* Quasi quasi partecipo anche io, qualche scheletro nell'armadio ce l'ho anche XD
    (Tra cui uno grosso, grossissimo che adesso ho rinnegato ma che da adolescente devo ammettere che mi piaceva. E sì, sto parlando del Batman & Robin di Shumacher! Potendo tornerei indietro solo per schiaffeggiare la me stessa tredicenne che lo guardava con gli occhietti a stellina XD)

    RispondiElimina
  6. Via le vergogne inutili, vogliamo la lista!! Certo che Batman e Robin fa concorrenza ai miei primi in classifica, eh...

    RispondiElimina