Capitan America

Negli ultimi anni stanno scorrendo davanti ai nostri occhi tutte le teorie possibili di supereroi, Marvel e non. Dopo aver recuperato dall'oblio persino la Lanterna Verde (con esiti peraltro pietosi), sono riusciti a riesumare pure Capitan America.
Ragazzo mingherlino, più volte riformato alla leva militare nonostante i tempi di magra in cui penso arruolassero anche i monocoli e gli zoppi, riesce a farsi potenziare nel fisico e nella mente da uno scienziato tedesco che prima è stato costretto a lavorare per il Reich e poi ha cercato asilo negli States.
Nato così per programmazione tecnica e per il bene maggiore della Democrazia, Capitan America trova la sua nemesi in un mostro teutonico dal viso rosso sangue, deturpato dal prototipo ancora imperfetto della pozione che ha reso lui così forte e bello (?).

il pezzo peggiore è il cappellino con le orecchie,
 ma per pietà ve lo risparmio
 Noioso, e un po' anonimo. Peccato, perché il personaggio è relativamente insolito: niente poteri sensazionali come telecinesi o allungamenti spettacolari, niente modificazioni gentiche ereditarie, e neppure attrezzature spettacolari. Capitan America è semplicemente ipertrofico, caratteristica che gli vale un'orrida tutina da fare invidia al manifesto de "lo zio Tom ha bisogno di te" e si qualifica come il supereroe più poveraccio di sempre, dotato solo di uno scudo tondo neanche rimpiazzabile in caso di usura/smarrimento/danneggiamento. Insomma, niente garanzia. 
Persino la sua bella è meno glamour delle donne degli altri (e sì che per fare peggio di SpiderMan bisognava davvero impegnarsi).
L'atmosfera un po' cupa degli anni Quaranta ha trovato riscontro solo nella fotografia seppia, l'elemento più decoroso di tutto l'insieme, mentre i cattivi dell'Hydra nazista sono ridicoli e grotteschi, privi di spessore
. Per il resto, la recitazione è opaca, la regia piatta, la trama insulsa e il ritmo assente.
Non è neanche brutto, è che sarebbe proprio da rifare da zero. E il finale è frustrante, soprattutto perché prelude chiaramente ad un trascinamento inutile della storia.

Commenti

  1. Ha un suo senso solo quando combatte i nazisti sul campo, in effetti...

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Il libro della Giungla

Basilico'

Wit - La forza della mente