Kung Fu Panda

Crisi nazionale in Cina: il vecchio custode del Kung Fu ha avuto una visione in cui il cattivo arcicattivo fugge di prigione e verrà individuato il guerriero Dragone, anima eletta capace di assimilare il Vero Spirito del Kung Fu e di avere l'enorme potere tramandato dalla pergamena sacra. Peccato sia un panda obeso il cui unico scopo nella vita è mangiare. Dovrebbe anche succedere al padre nella gestione del ristorante di soba, ma ovviamente gli piace il Kung Fu.
Per inciso, il padre è una specie di grosso papero, quindi o il protagonista è un adottivo oppure Mendel non è passato di qua.
Vi dico subito, e non penso di sorprendervi, che il panda pacioccoso non è nelle mie grazie. Nessun panda pacioccoso al mondo lo è, se poi è imbranato, inetto e obeso, lo sarà ancora di meno. Il cattivo del film, un giaguaro, è solo un povero frustrato con manie di grandezza e senza una direzione per la sua follia violenta, quindi boccio senza appello pure lui. L'animazione è lontana dall'essere perfetta e il disegno è approssimativo e molto convenzionale.
Shi Fu che tratta Pow come si deve,
prendendolo a calci nel sederone
Il film si regge dunque sulle scene d'azione e di combattimento (se c'è una cosa che mi annoia a morte sono le scene di kung fu, salvo quelle di Zhang Zimou e di Ang Lee) e sui personaggi di contorno, abbastanza potabili. In particolare mi piace Tigre, la combattente più tosta, scocciatissima di vedersi soffiare il posto da eletta dal panda suddetto (vorrei vedere, io sarei verde), Shi Fu, il maestro che somiglia tanto al Pai Mei di Kill Bill, e la tartaruga Oogway, l'illuminato con le allucinazioni che invece mi ricorda Yoda.
Per un sabato sera disimpegnato può anche andare bene, ma non riesco a capire il successo di pubblico (?) e di critica (?!!) ottenuto da un film onestamente un po' insulso che celebra l'effetto placebo. 
E poi per vedere un capolavoro di Miyazaki aspettiamo vent'anni (Totoro, Laputa etc)? Scandalo.

Commenti

  1. Ti dico sono che ho sperato per tutto il film che Tigre prendesse seriamente a calci nel deretano il protagonista. Non si diventa esperti di arti marziali ingozzandosi di ravioli al vapore! L'intero film si regge su quattro battutine in croce!

    Non guardare mai Kung Fu panda II. Non lo fare!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Il libro della Giungla

Basilico'

Wit - La forza della mente