C'era una volta...

C'era una volta una favola, racconta di un regista ultra-serioso e specializzato in truce e cupo neorealismo che un bel giorno ha voluto prendersi una vacanza con un racconto favolistico. C'era anche un'attrice che sembrava fatta apposta per la parte della Cenerentola un po' rozza e buona (Sophia Loren) e ci sarebbe stato anche un conterraneo ideale per fare la parte del principe (ovviamente Mastroianni), ma non era disponibile, e abbiamo ripiegato con onore su un ex-finto medico (Omar Sharif, fresco fresco di Zivago).
Lui si deve sposare, obbligato dagli obblighi del regno, lei è una sguattera di brutto carattere e a portarli una nelle braccia dell'altro penseranno un santo pugliese che pare volasse (Giuseppe da Copertino, realmente esistito e canonizzato) e una strega che sembra essere uscita "buonificata" dal Macbeth.
Rosi riesce a fare delle bellissime inquadrature che regalano tanta poesia a questa storia semplice e allegra, nazionalpopolare fino al midollo eppure non stucchevole. La colonna sonora è molto adatta all'insieme, piena di vitalità e di brio, senza pretensioni che sarebbero fuori luogo in questa sorta di riposo cinematografico.
Bellissima la scena dei tremila pulcini che nascono tutti insieme dalle uova scelleratamente ammassate per fare la più grande frittata del regno e la sequenza del lavaggio piatti finale.
Perché prima di sposarsi bisognerebbe almeno dimostrare di saper lavare un piatto? :)

Commenti

  1. Mai avrei collegato il nome di Francesco Rosi, padre nobile del cinema di inchiesta all'italiana, a una favola! Sono andato a vedere di chi è la sceneggiatura: Tonino Guerra, Raffaele La Capria, Giuseppe Patroni Griffi, e lo stesso Francesco Rosi. E scusate se è poco.

    RispondiElimina
  2. Infatti basta vedere questo film per rendersi conto che a bellezza o la riuscita di una pellicola non dipendono dalla "pesantezza" dell'argomento. Basta avere una bella sceneggiatura e un bravo regista, e degli attori degni del titolo, per fare qualcosa di adorabile.

    RispondiElimina
  3. La cosa che mi ha più colpita di questo film (visto una vita fa) è [SPOILER] il fatto che la tipa nobile che doveva sposare il principe taglia i piatti con il diamante e si fa sgamare. Ma farli cadere e basta pareva così brutto? [FINE SPOILER] ^^

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Il libro della Giungla

Basilico'

Wit - La forza della mente