martedì 20 agosto 2013

30 giorni di... giorno 23. Il titolo che in questo momento ti prende particolarmente.

Ce ne sono due, uno vecchio che ho appena recuperato e uno di uscita relativamente recente.

Il primo è Maison Ikkoku, di cui ho appena acquisito i primi venti volumi-sottiletta, e che mi piace molto con le sua gaga un po' ripetitive ma sempre divertenti (per lo stile di scrittura vedi un po' quello che avevo scritto per Ranma 1/2). Ha di buono che offre uno scorcio abbastanza realistico, tolte le evidenti e divertenti stupidate, della vita quotidiana in Giappone negli anni Ottanta. Cosa si mangiava, come si viveva, la struttura scolastica che seleziona fin dall'infanzia e condizionava pesantemente la riuscita futura, il desiderio delle donne di sposarsi e ritirarsi dal lavoro. I disegni sono un po' quello che sono, ma c'è decisamente di peggio in giro e la pagina bella piena tiene bene compagnia senza darti l'idea di aver speso dei soldi a vuoto. E poi l'eterno triangolo Godai-kun-Amministratrice-Mitaka-san resterà alla storia.



L'uscita recente è una pubblicazione ancora in corso che si intitola I giorni della Sposa. Amira è una donna non più giovane, almeno per gli standard del medio evo caucasico, data in sposa ad un dodicenne quando ha già vent'anni. La sua integrazione nella nuova famiglia e il tenero amore per questo marito-bambino (molto più gentiluomo di tanti altri protagonisti e sicuramente molto più maturo di Godai-kun) per ora fanno gran parte della storia, che non ho ben capito dove andrà a parare, anche perché l'autrice compone tavole meravigliose per disegno e dettaglio, ma è lenta come la quaresima e tira fuori un volume all'anno.

2 commenti:

  1. Ho letto il primo volume de "I giorni della sposa". I disegni sono stupendi, ma la mia lettura si ferma qui perché la trama non mi ha particolarmente colpita, se non in senso negativo.

    RispondiElimina
  2. uh, mi dispiace. Più che altro è un manga "d'atmosfera".

    RispondiElimina