Wicked appetite


Se volete davvero divertirvi, bisogna mettere in conto un piccolo sforzo: questo libro non è ancora stato tradotto in italiano e, considerato l'impegno editoriale profuso per diffondere orribili libri strappalacrime e finto-sentimentali sempre in testa alle classifiche, dovremo aspettare ancora un po'. Se, al contrario, per voi l'inglese non è un problema ma un piacere, Wicked Appetite è CONSIGLIATISSIMO. 
Lizzy è una quasi-trentenne con una vita normale, un lavoro da pasticcera che ama profondamente e un'adorabile villetta antica lasciatale in eredità a Salem. A sconvolgere la sua vita arriva un bellone biondo dal fascino stropicciato che le rivela i suoi superpoteri e la trascina alla ricerca delle pietre sei Sette Peccati Capitali, da recuperare prima dell'antagonista sofisticato, bruno e anemico, Grimoire (per gli amici Wulf). 
L'Urban Fantasy di Janet Evanovich è pieno di comicità surreale e scene prese a prestito dai cartoni animati Warner Bros, gatti ninja con un solo occhio e scimmie con seri disturbi comportamentali. Niente drama, niente autocommiserazioni di protagoniste piagnucolose, niente amori travolgenti e sofferti, ma un sacco di risate. Non vedo l'ora di leggere il seguito, e sono anche speranzosa che, essendo i peccati capitali solo sette, la serie non prenda la piega della saga infinita di Stephanie Plum, divertentissima fino al settimo-ottavo capitolo e poi un po' scaduta nella noia e nella ripetitività. 

Commenti

  1. Ricorda un pò Guida galattica per autostoppisti, ma io sulla letteratura sono piuttosto ignorante...

    RispondiElimina
  2. non l'ho letto, ma mi sembra promettente!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Il libro della Giungla

Basilico'

Wit - La forza della mente