La Rinuncia

Gerolamo è un tenente del Regio Esercito Sardo-piemontese, quando l'Italia ancora era geograficamente frammentata; un tenente un po' particolare, perché è un ufficiale medico, in formazione presso il San Giovanni (quello che affaccia sui giardini Cavour e che ora è noto come "Antica Sede": all'epoca era l'unica).
Se ne va per la mia amatissima Torino, e si aggira per questo ospedale da me amatissimo, in compagnia degli altri tre "moschettieri", Saverio, il finto snob e raffinato genovese, Giovanni il sardo sciupafemmine e Giuseppe il cuneese buono e modesto. Proprio all'alba della sua vita professionale e sociale, commette un'unica, grossa imprudenza che potrebbe separarlo dalla sua Maria Luisa...
Questo libro è stato una sorpresa, per me normalmente sospettosa di fronte alla narrativa italiana contemporanea; non solo ha una trama poetica e romanticissima, con una storia d'amore lacerata, le cui disperazioni sono arginate nell'amicizia fraterna dei commilitoni, e un'interessante ricostruzione storica degli anni dell'Unità, ma -caso ormai raro- é scritto benissimo. come sa chi frequenta abitualmente queste pagine, non è una lode che pronunci spesso.
Il dottor Montanaro, lo scrittore, è un oculista che ha deciso di prendere in mano la penna per regalarci qualche ora di un passato non troppo remoto, e non vedo l'ora che lo faccia di nuovo, magari confezionandoci un lieto fine. Il mondo come lo conosciamo oggi ne ha molto bisogno.

Commenti

Post popolari in questo blog

Il libro della Giungla

Basilico'

Wit - La forza della mente