Caserta - parte terza (e ultima)

Grazie per le dita incrociate, adesso potete finalmente rilassarvi! Ho fatto il mio intervento e, anche se sono certa non sia stato memorabile, nessuno si è addormentato/suicidato/lanciato contro di me con l'intento di farmi del male. Anzi, ho anche ricevuto un certo numero di domande, il che è sempre gratificante!
Dopo tanto duro lavoro mi sono concessa tre ore di sano turismo e sono andata a vedere la Reggia. Bella, però mi sembra che sia un po' sopravvalutata. Va be' che i francesi sono nazionalisti e faremmo meglio ad esserlo di più anche noi, ma dire che il parco di Caserta è meglio di quello di Versailles mi sembra quasi eccessivo. Va be' che il giardino all'inglese conserva un sacco di specie rare, ma se è per questo anche il parco di Racconigi e di Montecarlo.
A rendere l'esperienza davvero particolare è stata l'ora alquanto tarda in cui ho avuto accesso agli Appartamenti: alle sette di sera io e i miei due colleghi eravamo soli nelle grandi sale del Vanvitelli e i guardiani ci hanno consentito di oltrepassare le barriere per curiosare nei luoghi meno noti, come il bagno della regina, completo di vasca di marmo e rame e bidet (descritto poi dai Savoia come "curioso bacile di legno e stagno, in forma di chitarra, dall'utilizzo sconosciuto"!).
Ieri sono finalmente ripartita per Torino, di cui già cominciavo a sentire nostalgia. Non sono riuscita a trovare a nelle vicinanze della stazione una buca delle lettere per impostare la cartolina per il mio fidanzato: l'ho affidata ad un'anziana coppia locale che mi ha promesso di farlo al mio posto. Se la missiva arriverà a destinazione, ve lo farò sapere.

Commenti

  1. Ci sono stata in occasione di una gita scolastica...ci tornerei per ammirarla con occhi diversi!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Il libro della Giungla

Basilico'

Wit - La forza della mente