martedì 6 ottobre 2009

musica per camaleonti

Grande successo dello scrittore americano, è in assoluto uno dei miei libri preferiti, forse al di sopra del capolavoro A sangue freddo. Ha una struttura tripartita: Racconti, un breve romanzo-verità dal suggestivo nome di Bare intagliate a mano e le sette gemme dei Ritratti dialogati.
I racconti si aprono con quello che dà il nome al romanzo, l'incontro dell'autore con una nobildonna della Martinica che suona il piano per i camaleonti, bellissima e distante nel suo fascino esotico. In ogni episodio Truman ci racconta di un'esperienza particolare della sua infanzia o di eventi quotidiani resi straordinari da un fascio di luce obliqua, come la ricerca disperata di un'amante per il proprio marito, o l'incontro con una dolcissima donna con un frigorifero pieno di gatti.
Handcarved Coffins è un piccolo thriller scritto con la medesima tecnica di A sangue freddo, con il raro dono di farvi accapponare la pelle riga dopo riga. Capote è per molti l'inventore del giornalismo, il vero pioniere che definì e valicò il confine tra fatto e notizia; eppure non è in questa veste, pur tanto osannata, che lo amo di più, quanto nella composizione di ambienti e immagini surreali nella loro semplicità e normalità. Sono le note che informano i ritratti dialogati, esempi di scrittura emozionante e coinvolgente, commoventi fino alle lacrime, illuminanti e misteriosi insieme. Indimenticabile l'arcinoto Una bellissima bambina, funerale e brindisi malinconico con Marilyn Monroe, ma non sono da meno Salve, Sconosciuto -cosa sarà successo davvero? l'avro letto più di venti volte, ma non sono mai giunta ad una conclusione- o Una giornata di Lavoro, accesa di paradisi artificiali e rosari mistici. Nei rigiramenti notturni ho finalmente trovato una risposta geniale all'annosa domanda "cosa ti fa più paura?": rospi veri in giardini immaginari. Quanti ne abbiamo conosciuti, in ogni dove?
Ma c'è ancora un tesoro nascosto in tanta perfezione: la prefazione a firma dell'autore, in cui si spiega la duplice natura del genio...gioia di chi ne beneficia, ma soprattutto una frusta, intesa unicamente per autoflagellazione.
Imperdibile, prezioso, luminoso.

1 commento:

  1. "Un frigorifero pieno di gatti"... ma che tipo di libri leggi ???

    RispondiElimina