martedì 4 agosto 2009

il vento che accarezza l'erba

Bellissimo e struggente film di Ken Loach sulla guerriglia dell'IRA per l'indipendenza dell'Irlanda.
Due fratelli fanno entrambi parte della resistenza, ma il minore, medico, che matura più lentamente la decisione di prendere le armi, porta le sue idee fino ad un estremo di coerenza che lo fa scontrare con i vecchi compagni quando questi accettano una tregua con gli Inglesi.
Dopo anni di battaglie, di cadaveri, di sforzi e di lacrime, che cosa si intende per vittoria? Un accordo con l'Inghilterra può essere letto come una sconfitta da un animo orgoglioso... forse è una sconfitta, che calpesta l'identità di un popolo fiero e condanna all'oblio definitivo tanti oscuri combattenti.
Il film ha un impianto molto solido, semplice e scorrevole. La fotografia è molto poetica, generosa di verdi limpidissimi e di colori caldi e terrosi. Gli attori, tutti molto belli, sono perfettamente calati nella parte. Notevoli le figure delle donne, in apparenza di secondo piano, in realtà componente essenziale, e spesso nell'ombra, della resistenza irlandese, come di tutte le resistenze della storia.
Finale asperrimo, sconsigliato per una serata depressa ab initio.

Nessun commento:

Posta un commento