Pane amore e fantasia


Il Maresciallo Carotenuto è appena stato comandato nel ridente paesetto di Sagliena, un villaggio poverissimo perso nell’Italia del Centro-Sud. Sentendosi isolato dalla vita mondana e culturale a cui era abituato, vorrebbe trovare conforto nella levatrice del luogo, riservata signora in misterioso auto esilio, ma le malelingue tendono a separarli. Si interessa perciò per ripiego alla Bersagliera, la ragazza più povera –ma anche la più bella e la più combattiva- del già misero paese, innamorata ricambiata di uno dei Carabinieri al suo servizio.
Al Maresciallo, un po’ tardo ma in fondo una buona pasta d’uomo, compresa la storia d’amore, non resta che cercare di vincere la timidezza del sottoposto per inviarlo a fare con successo la sua proposta di matrimonio, e guadagnarsi il cuore della levatrice, più adatta a lui per età e inclinazioni spirituali.

Questa commedia paesana del dopoguerra coniuga una notevole dose di verismo addolcito dall’ironia dei personaggi e dal lieto fine delle due storie d’amore. Le intenzioni “leggere” di Comencini proteggono il film da certe tipiche brutture neorealiste, come la fotografia trascurata (questa invece è molto bella), e permettono di sorridere di alcuni difetti nazionali, qui dipinti in forma di macchietta, come la mania di ficcanasare nelle vicende sentimentali del vicino. Felicissima poi la scelta di non fare innamorare fra loro i due protagonisti, magistralmente interpretati dal fiero Vittorio de Sica e dalla bellissima Gina Lollobrigida. Al loro confronto è difficile ricordarsi dei pur bravi altri attori, tranne della mia favorita: sì, sto parlando dell’incredibile Tina Pica, nel memorabile ruolo della domestica Caramella. Non basta già il nome a far venire voglia di rituffarsi in questo piccolo capolavoro?

Commenti

  1. un gran bel film, concordo
    mi fai venir voglia di rivederlo (ho il dvd) e magari di inserirlo (insieme ai due sequel) nel Torneo delle Trilogie

    RispondiElimina
  2. ma non devono essere tutti dello stesso regista i film delle trilogie del tuo Torneo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. infatti sono TRILOGIE ANOMALE sia questa (Comencini è sostituito da Dino Risi nel terzo episodio) sia quella di AMICI MIEI (Monicelli sostituito da Nanny Loi); sto pensando a contrapporle, al di fuori del tabellone ufficiale

      Elimina
  3. Tina Pica era veramente forte! :D
    Belli anche i sequel ma il primo (come spesso accade!) non si batte!

    RispondiElimina
  4. Il secondo episodio lo ricordo con grosse lacune, del terzo non ricordo nulla, ma il primo mi è indimenticabile, sia per gli attori principali che hai citato, sia per la sceneggiatura, ricca di battute secche praticamente proverbiali. Come quella che dà il titolo "Che mangia?" "Pane" "E che ci mette nel pane?" "Maresciallo, tanta fantasia". Oppure il tormentone del commissario "io, ormai ...".

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Il libro della Giungla

Basilico'

Wit - La forza della mente