domenica 24 giugno 2012

Hot shots!


Si fa in fretta a raccontare la trama del film: unite Top Gun e Ufficiale e Gentiluomo, in un rapporto 9:1, mescolate –no, shakerate con violenza, aggiungete un’oliva (fondamentale per la scena finto-sexy) e litri di follia e umorismo.
Il risultato è piuttosto potabile, nonostante la parodia non sia tra i miei generi preferiti e considerato che il genere “militare” anni Ottanta mi piaceva: avrò visto Top Gun almeno una decina di volte, e molte di più U&G (Richard Gere recitava già allora meno bene di Tom Cruise, ma è decisamente più bello). Qui, il dotato pilota Topper viene affiancato dalla psichiatra Ramada, che deve capire quanto sia instabile: per capirlo meglio ci si mette insieme...
Molte trovate sono spassose, ma tendono alla ripetizione, come gli specchietti retrovisori sui caccia e i guardalinee-ballerine. Se è vero poi che spesso i dialoghi sono surreali, ogni tanto scappa qualche battuta di comicità un po’ grossolana.
J. Abrahams ha cercato di inaugurare un filone, e ce l'ha fatta: non saprei dire se sia un bene. In ogni caso non si può negare che guardando i suoi film demenziali si ride abbastanza!


Gli attori se la cavano, cercando di non sganasciarsi tra una buffonata e l’altra; il protagonista (C. Sheen) assomiglia abbastanza a Cruise, senza sforzarsi troppo, mentre la sua compagna (V. Golino) si limita ad essere bellissima: come attrice non dà il meglio di sé.

1 commento:

  1. Ho visto questo film dieci-quindici anni fa, anch'io risi abbastanza ma ora che ci penso, non so se capii tutte le battute, probabilmente mi piacquero giusto quelle più facili da capire. Dovrei rivederlo (forse).

    RispondiElimina