mercoledì 9 giugno 2010

The short second life of Bree Tanner

Un breve divertissement con più risvolti commerciali che letterari, questa novella nata da una costola di Twilight è, purtuttavia, godibile e fresca.
Bree è una dei vampiri creati da Victoria nel tentativo di eliminare Bella; è piuttosto mite, intelligente. Tiene un basso profilo, tutto ciò che vuole è rimanere in vita, ma noi sappiamo già che questo finale le è precluso.
Il coro di personaggi secondari è da sempre il punto di forza di Stephenie Meyer, che -nonostante una protagonista inetta e lamentosa come Bella- ci ha fatto appassionare con le vicende dei Cullen; anche in questo caso l'interesse è osservare fatti noti da un punto di vista differente. Per questo speriamo ancora che Midnight Sun venga ripreso, per questo la parte centrale di Breaking Dawn è la migliore delle tre.
Bella chiusa, che ci rivela qualche scambio di pensiero ben diretto tra Bree e "il rosso", ovvero Edward: come al solito, sempre a questi tocca farsi carico di spiacevoli verità e gratitudini difficili da sopportare.
Fino al 5 Luglio il libro è disponibile online alla pagina www.breetanner.com

Nessun commento:

Posta un commento