The Division Bell

Non so perché, ma questo è uno degli album più negletti del gruppo. Quale gruppo? IL gruppo, i Pink Floyd. In principio c'era Beethoven, poi Dvorak, e poi ci sono i Pink Floyd.
Ma non divaghiamo. Dicevo che The Division Bell non è stato amatissimo, ma in fondo non si può considerare a tutti gli effetti fratello dei precedenti, perché è il prodotto del solo Gilmour, dopo che anche Roger Waters è stato fatto fuori. Ci sono anche Nick Mason e Richard Wright, ma la penna è saldamente nelle mani di David, e si sente. Non posso dire che mi dispiaccia.
Certo, è un rock che a volte sembra ambient music post-The-Wall (Cluster One, tanto per cominciare) e a volte pare ad un passo dal pop, ma mi piace molto lo stesso.
Si parla qui di incomunicabilità, della difficoltà di toccare l'altro, e chi meglio di un terzetto reduce da un gruppo semisciolto può farlo? O di un compositore che esce da una coppia scoppiatissima e non riesce a scordare il vecchio amico Sid, con cui la comunicazione doveva essere ai limiti dell'impossibile? 
La Division Bell del titolo si sente nell'ultimo brano, High Hopes, ed è quella del parlamento britannico -dove la comunicazione è solo un filo meglio che nel nostro...; è stata suggerita come titolo da quel Douglas Adams già esilarante, irridentissimo scrittore di Guida Galattica per autostoppisti. Che per l'idea si è pure fatto pagare, anche se non a scopo di lucro personale.
What do you want from me è un andante arrabbiato molto coinvolgente che è PF fino al midollo, checché ne dicano i puristi, e Poles Apart è una ballata di estrema capacità nostalgica e con accenti che mi hanno fatto pensare a Nino Rota nei film di Fellini, ma la mia preferita è senz'altro Lost for Words. Bell'album, che non conoscevo. Da recuperare.

Commenti

Post popolari in questo blog

The short second life of Bree Tanner

Miss Peregrine's Home for Peculiar Children (Trilogia)

Blade Runner 2049