Ti va di pagare?



In questo periodo di escort quotidianamente sulle pagine dei giornali serviva una commedia agrodolce che ci aiutasse a sdrammatizzare.
Irene è una prostituta che passa da un ricco anziano signore ad un altro nella speranza che qualcuno di loro, dopo aver speso montagne di denaro in vestiti, scarpe e accessori, decida di impalmarla e sancire il suo diritto ad un accesso continuativo ai portafogli più farciti di Francia. Jean è un umile cameriere, buono e ingenuo, che pur conoscendo la di lei natura se ne innamora perdutamente, sacrificandole il contenuto di tutto il suo libretto di risparmio, fino a ridursi sul lastrico, al punto da essere costretto ad accettare un nuovo lavoro… da gigolo. Ormai colleghi, lui e lei si scambiano pareri, consigli e confidenze, finché il lieto fine non sopraggiunge, prevedibile e rassicurante come in ogni commedia brillante che si rispetti.
La Tautou è perfetta in questo ruolo anti-Amélie, cinica e perfida, con un cuoricino sepolto sotto strati di Chanel, marchio che l’ha giustamente eletta a volto immagine per il suo N. 5 e che lei incarna con splendore understated e sofisticata raffinatezza. Gad Elmaleh è un buon comico, con una mimica facciale buffissima e bruttino a sufficienza per essere credibile nel ruolo di dolce anatroccolo pertinace.

Commenti

Post popolari in questo blog

The short second life of Bree Tanner

Miss Peregrine's Home for Peculiar Children (Trilogia)

Blade Runner 2049