Irina Palm

Dramma inglese travestito a tratti da commedia, racconta di Maggie, una nonna vedova che per pagare al nipote leucemico un viaggio della speranza è costretta ad accettare un lavoro in un pornolocale, divenendo una celebrità nel settore.
Anni dopo Full Monthy, il cinema inglese torna a riflettere sulle conseguenze della crisi economica e sullo svilimento che essa spesso impone all'Umano della porta accanto. Così una dolce sessantenne si ritrova con il "gomito del seghista" senza nessuna possibilità di aspirare a qualcosa di più.
Il passo successivo nell'analisi di questa discesa agli inferi suburbana è la riprovazione ipocrita della società, in primis -l'amica che sostituisce la protagnista con una vicina più adeguata, ma che era amante del suo defunto marito- e del figlio, che non accetta le scelte della madre ma non è riuscito a trovare né un impiego né un prestito (questi, forse, ulteriori motivi di riprovazione nei confronti della genitrice...)
Il tutto costruito senza affettazioni, con un romantico gestore di locale equivoco preso a prestito da Kusturica e una nuora realista e convincente. Si segnala per la delicatezza e la mancanza di scene volgari e di umorismo da osteria, rara avis.

Commenti

  1. io non ho parole.. due brevi considerazioni prima che il senso di colpa mi costringa a spegnere il computer e studiare oncologia..

    1- ho visto questo film l'altra sera in tv e ho pensato "davvero geniale": leggero e allo stesso tempo drammatico, non volgare pur ruotando tutto incessantemente attorno a...vabbè ci siamo capite.. mi fa piacere che anche tu l'abbia apprezzato

    2-un commento un po' fuori posto, ma... viva l'emisfero destro e gli spazi bianchi!! Approvo in pieno,e sono sempre più convinta che dovremmo conoscerci meglio, magari in sede extraneurologica, perchè quasi mi fai venire i brividi quando leggo il tuo blog, potrei averlo scritto io!!


    godiamoci "il vuoto", è l'unico vero lusso in questi tempi frenetici in cui non si è cool se non iperimpegnati e sempre in ritardo con le scadenze.. è bello respirare con calma a volte

    flora

    RispondiElimina
  2. Film delizioso: ironico, delicato e dolce-amaro.
    Mi e' piaciuto davvero tantissimo!

    RispondiElimina
  3. Sono d'accordo: comicità intelligente e mai volgare..e visto l'argomento non era scontato!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

The short second life of Bree Tanner

Miss Peregrine's Home for Peculiar Children (Trilogia)

Blade Runner 2049