non buttiamoci giù

Incipit interessante, in questo libro di Hornby (About a Boy, High Fidelity): quattro persone si ritrovano la sera di Capodanno sull'orlo di un cornicione per metter fine ai loro giorni, ma iniziando a parlare cambiano idea e scoprono quanto il loro gesto fosse motivato da un grande attaccamento alla vita.

Ognuno dei quattro prende a turno la parola e conduce la narrazione dal suo punto di vista, con l'adattamento stilistico del caso: fraseggio forbito per il presentatore televisivo di grido, slang da strada per la ribelle, dissennata figlia del viceministro dell'istruzione, lessico povero per il musicista fallito, linguaggio poco appariscente e consecutio traballante per la madre single di un ragazzo disabile.

Purtroppo il ritmo non è mantenuto per tutto il romanzo, che verso la metà comincia a mostrare qualche crepa di impostazione e, in chiusura, lascia una sensazione di sospensione e incompletezzza. Buona prova di humour.

Commenti

  1. Io l'ho preso in prestito in biblioteca, e come al solito è rimasto lì, sul "comodino", per tutto il mese.
    Ho letto altrove del libro, e si dice la stessa cosa: verso la metà cambia un pò.
    Saluti.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

The short second life of Bree Tanner

Miss Peregrine's Home for Peculiar Children (Trilogia)

Blade Runner 2049